fallimenti & co.

fallimenti & co.

Nella storia dei fallimenti perpetrati, subiti, inseguiti con determinazione hai trovato positivi riscontri: qui una crescita, lì una fermata prima dell’abisso, appena oltre una cicatrice che ora sorride, ma ancora duole un po’.

Si sa signora mia, il tempo, l’età, la testa. I fallimenti sono lucertole da prendere per la coda, delicati, ma perfetti per stare al sole, percorrere pietre e rendersi conto che si è vivi.

Eppoi i fallimenti mica te li invidia nessuno, solo tu li puoi capire e capisci anche dei successi non resta nulla ai comuni mortali, che solo tu li ricordi, che a te parevano importanti e agli altri già subito un po’ meno. I fallimenti, invece, ti hanno preso a sberle, corretto con la violenza che cambia davvero, ti hanno costretto a tirar fuori la forza che non pensavi di avere. Ma sopratutto i fallimenti erano te. Non c’è stata fortuna a favorirti, anzi, non di rado, il caso ti ha girato le spalle, oppure non hai capito a tempo che non potevi fare affidamento solo su di esso. Spesso è bastato un nonnulla per rovesciare quello che sembrava andare per il giusto verso e questo ti ha insegnato che la distanza tra una vita e un’altra è davvero minima. Almeno all’inizio, poi divarica.

I fallimenti ti hanno detto che il tempo passa e non è galantuomo, che non verrai risarcito, ma la vita è davvero tua se ritenti.  Capisci che i fallimenti sono la tua misura, che la prossima volta accadrà ancora, ma sbaglierai un po’ meno. I fallimenti sono diari che ti ricordano chi sei stato e te lo dicono davvero, senza sconti e tenerezze. Ed è da loro che senti che la vita è un orologio, bisogna regolarlo ogni tanto e caricare ogni giorno: segnerà un’ora che pare la stessa ma è diversa. Ancora una volta, riproverai, ancora una volta approssimerai il successo che solo tu hai dentro. E sarà sempre un nuovo vivere.

12 pensieri su “fallimenti & co.

  1. Certo, sono tanti fallimenti, ma a ben guardare ci si rende conto che c’era sempre qualcuno che con un piccolo gesto, con un niente, avrebbe potuto evitarli; così non contano più perché sono sovrastati e messi in secondo piano da questo che è il vero grande fallimento, il non avere meritato aiuto o semplice attenzione. Ma ognuno ha le proprie buone ragioni, è questo il vero dramma della vita.

  2. @gialloesse: esiste anche questo, la disattenzione, tra i motivi di un fallimento. Se guardassimo bene le vite concluderemmo che troppo spesso manca quella attenzione che servirebbe a sbagliare di meno. Oggi pensavo ai miei limiti e ai conseguenti fallimenti, in molti certo è mancato l’aiuto che avrebbe potuto esserci, ma sempre di mio ci ho messo molto.

  3. Di questa canzone ho ricordi belli e qualcuno pesante, mi ha accompagnato, ed è ancora integra come uno specchio del possibile perduto.
    Buon domani .marta.

  4. Nella risposta a @gialloesse ci ritrovo tanto e tanto di molti\molte che con il senno di poi….
    In fondo Willy evidentemente doveva andare così.

    Penso sia oltremodo inutile rinvangare poiché il tempo è breve e bisogna andare avanti non tralasciando più niente.
    Impegnandosi se non alla felicità almeno alla serenità senza dover vivere in continua espiazione.

    un abbraccio
    .marta

  5. Se davvero fossi saggio PeP mi annoierei tantissimo, sbaglierei poco e sopratutto, avrei poca voglia di ricominciare. Invece, per fortuna, sono sconsiderato assai. 🙂 Buon fine settimana. Mare?

  6. Hai proprio ragione .marta, doveva andare così perché era il daimon, la misura di noi ad accompagnare quella conclusione. Non è che faccia meno male, e neppure che improvvisamente mi sia affezionato ai miei fallimenti, cerco di vedermi in essi, ecco, di non imprecare al destino cinico e baro. Non imparo nulla o quasi però a volte ci scopro una tenerezza per l’aver tentato. Provarci è sempre molto meglio che stare a guardare. Sul tralasciare poi faccio davvero fatica, sono affamato. E ho imparato a perdonarmi abbastanza, quindi niente espiazioni. Almeno consce. Buon fine settimana .marta, un abbraccio a te, qui il tempo sarà bello 🙂

  7. Eppure, anche nel tuo ritenerti sconsiderato vedo saggezza. Che poi, esser saggi mica significa non sbagliare mai. Il fatto di porsi tante domande, il riflettere sulle cose, l’ammettere errori, il sapersi perdonare perché ci riconosciamo umani e fragili, l’aver voglia di riprovarci, per me è saggezza.
    Al mare ci sono andata ieri 😉 a Jesolo. oggi e domani vediamo come butta 😀
    ore serene a te, ciao Willy

  8. Non sono più quella di ieri,
    non so come sarò domani.
    Ma posso dirti come sono oggi,
    con i miei ieri.

    (Alda Merini)

    Gli ieri, con la loro bellezza o bruttezza, con i loro successi o i loro fallimenti, sono _noi_
    Ed è il fallimento e quindi la sofferenza o la mancanza che ne deriva quella che su di noi ha maggior influsso, che ha maggior peso, che cambia e che scava solchi profondi e a volte incolmabili, ferite che si cicatrizzano ma che possono riaprirsi se qualcosa ci riporta indietro nel tempo.
    Se i fallimenti e la sofferenza non rende cinici, chi ha sofferto è più sensibile di chi ha avuto vite più semplici ed in discesa e spesso sa riconoscere la sofferenza negli altri …

    Un altro sorriso
    Ondina 🙂

  9. È proprio così Ondina, ho imparato a guardare con benevolenza i miei fallimenti, alcuni bruciano ancora, ma non è più come un tempo che non vorrei esser stato, sbagliato, deciso, ora i fallimenti sono diventati tentativi di volo, vita alta, corse e se non hanno portato dove pareva hanno comunque insegnato molto più della vita queta. Insomma cerco di volermi bene più che giudicarmi. Buon fine settimana 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...