auguri

20151220_160002

C’è chi forte, magari per paura, lo è da sempre, e chi per scelta, non lo è diventato mai.

C’è chi si è nascosto così bene che quando s’è cercato non c’era più da tempo e chi da sempre è stato in bella vista, ma l’hanno visto sempre poco.

C’è chi ha avuto momenti d’amore, così intensi che gli sono bastati per tutti gli anni a venire e chi, invece, non gli basteranno mai.

C’è chi dice che non ne val la pena e sta a guardare quel che accade e invece c’è chi sbaglia ogni volta un poco, ma si getta nella mischia per cambiare.

C’è chi ha avuto grandi passioni ma poi gli son passate, e chi proprio per le stesse passioni continua a pensare che sono la stessa vita.

C’è chi è felice a natale e nelle feste che stanno per venire, c’è chi cerca di essere felice ogni giorno dell’anno.

C’è chi si entusiasma e poi gli passa, c’è chi per ogni entusiasmo cerca la ragione perché duri.

C’è chi è solo e si riempie di amicizie che durano una notte, c’è chi sa di essere solo e cerca di farsi compagnia.

C’è chi ti dice sempre cosa fare e chi invece non ha mai davvero una risposta, però non smette di starti accanto.

C’è chi fa centinaia di auguri perché a natale così si usa e chi gli auguri li fa ogni giorno a chi vuol bene.

C’è il natale, capodanno e l’epifania, che le feste porta via, e chi ogni volta che c’incontra ci fa festa.

Pare che non ci siano più partiti, che le differenze non contino più tanto, ma io che non ci credo e posso permettermelo, sto col partito degli inermi, dei deboli, dei consapevoli. Sto con quelli che non hanno gli auguri facili e che ogni volta ci pensano per farli. Sto con quelli che davanti a una pagina bianca hanno la penna che si raccoglie nei pensieri perché vuole scriverci il cuore. Sto con quelli che stanno spesso zitti, ma che parlano guardandoti negli occhi, che non hanno nulla da dimostrare, che non si vergognano di aver bisogno d’essere amati, che tengono come cara e imprescindibile la dignità propria e di chi gli sta davanti. Quelli che non hanno verità da imporre, tweet entusiasti da scrivere più volte al giorno, che sanno quanto faticoso e paziente sia l’esercizio della speranza, che si mettono a disposizione per ogni causa che ritengono buona, che non si contano per decidere se ciò che pensano è giusto. che portano avanti la vita con chi gli sta accanto e cercano che sia migliore per tutti.

Sto con quelli che si preoccupano della salute del pianeta, dei loro figli e nipoti e degli uomini che non conoscono ma sentono che sono uomini come loro.  Sto con quelli che non hanno bisogno di auguri perché ogni giorno con fatica li creano. Tutti questi li abbraccerei volentieri e a loro va il mio augurio perché le vite ci tengano assieme e che ci ricordiamo, loro e noi, d’essere davvero tanti.

16 pensieri su “auguri

  1. io non sono molto brava con le parole, tu invece sì e pure moltissimo,
    quindi semplicemente ti auguro che le tutte tue giornate siano sempre ricche di te, liete e serene e ti …. assomiglino.

    Di cuore,
    con un sorriso grande,
    un sereno Natale, Will 🙂

  2. Ti ringrazio per i bellissimi auguri Ondina, che faccio diventare i miei per te. Che siano giorni sereni e belli che si aprono su altri giorni sereni e belli. Non può essere sempre festa ma ciò che conta è che dentro ci portiamo la positività del vivere. Ti auguro questa positività, sempre.
    Con un abbraccio e un sorriso
    Willy

  3. Quello che hai pensato e scritto con delicata eleganza, non formale ma radicata nella scelta della destinazione della tua razionalità, racchiude, credo, il concetto dell’accettazione. Del come si è, del come si può fare e, in una parola, si volesse concentrare il senso di un discorso. Di un modus vivendi. Una tensione, nella vita, a proteggere e salvare piuttosto che disperdere. E questo è importante e bello. Grazie dunque per i tuoi auguri, e tanti da me e dal mio mondo, che sento simile al tuo. Auguri Will ed un sorriso

  4. Grazie Melabella, hai colto bene una parte di me e sapere che ci sono persone come Te che lo capiscono e che hanno un sentire analogo, è un piacere e un augurio importante. Auguri per giorni sereni e una vita che ti assomigli, che sia tua. 😉

  5. Stai coi più umili, @Will, coi diseredati, con coloro che soffrono …. con quelli che non hanno niente in questa esistenza se non il pianto, e dunque STAI IN OTTIMA COMPAGNIA ! 🙂
    Ed allora, BUON NATALE a te, caro Amico, ed a chi ami con tanta tenerezza e lungimiranza !
    Condividere, aprirsi con gli altri/con le altre …. e leggersi dentro per essere migliori nel migliore dei mondi possibili, è forse il più bel dono di Natale che possiamo augurarci ! 😀
    @Bruno

  6. Scegli chi se ne va, chi non rimane
    oltre l’ora di cena e si congeda
    con l’umiltà discreta che non parla,
    un cenno appena con la mano, il gesto
    stabilito da sempre e inconfessato.
    Così fu o così almeno lo rammento,
    lui che s’alzò guardando già la porta,
    sorridendo gentile come in sogno
    lasciando quella stanza e la città
    che nemmeno s’accorse del suo viso.

    Con le parole di Scarabicchi ti auguro belle cose (al di là e al di qua del Natale)
    Lavinia

  7. Caro Bruno, grazie per gli auguri che sento veri e vicini: quello che auguriamo è il nostro bene e questo è da condividere, per cui auguriamoci che la vita ci accompagni lieve e tenera. Auguri a Te e a chi ami, amico caro.

  8. Che belli questi versi, Lavinia, c’è la grande sensibilità che usi nello scrivere che ti porta a trovare chi ti è affine. Grazie. Per Te e per quello a cui tieni, con dolcezza e forza, con decisione e amore, auguri. E che sia, al di qua e al di là del natale.

  9. Un giorno non lontano … lo sento e me lo auguro, Tu, dopo aver letto la mia e-mail qui nei miei commenti, mi scriverai una delle tue mirabili lettere …. e ci sembrerà d’ esserci sempre scritto !

  10. Non sempre ti leggo. Il lavoro, le corse quotidiane e gli impegni ineĺuttabili oltre a quelli cercati mi segnano le giornate troppo brevi.
    Poi arriva il momento in cui l’incipit mi cattura lo sguardo… e leggo. E sono contenta di essermi fermata per pochi significatibi minuti prima di addormentarmi.
    Grazie.

  11. Sono passati quattro anni e molte cose sono cambiate, in peggio. Sto dalla tua stessa parte, tranne che in una cosa: la meritocrazia.
    Basta fare un paio di esempi, per chiarire il fatto che in Italia la meritocrazia non esiste, perché il merito non è riconosciuto. Penso al nostro governo e ai suoi rappresentanti, cominciando dai ministri attuali. Sono comuni cittadini, con titoli inesistenti o quasi. Decidono per noi, guidati da altri, perseguendo scopi con logiche di partito, guidati da altre teste. Esecutori inconsapevoli, burattini. Penso anche ai giovani promettenti che abbandonano per sempre il loro Paese, perché qui il merito guadagnato con titoli guadagnati solo grazie alle competenze acquisite con studio e impegno serrati, non viene riconosciuto. Espatriando, esercitano professioni ad alto livello e vengono ricompensati anche da riconoscimenti internazionali. Li abbiamo persi, non rientrano nel loro Paese, eppure tanto abbiamo investito in loro. Questo Paese non li merita.

  12. In effetti in Italia esiste il familismo che condiziona, non solo l’accesso al lavoro ma spesso la crescita e l’affermazione delle persone in esso.
    La meritocrazia di cui parlo è la brutta copia del termine sociologico a suo tempo coniato come negativo da Michael Young dove l’ineguaglianza viene sancita da una concezione distopica della società tutta basata sull’utile. Poi il termine da negativo è diventato positivo senza nulla togliere al fatto che in una società basata sulla differenza e sull’utile neppure il Merito diventa un sistema di accesso e neppure un ascensore sociale ma solo il modo di sorreggere una competitività crescente senza ritorno. Il familismo si somma a tutto questo e i giovani senza “padrini” sono condannati a un lavoro precario, estremamente competitivo dove il merito personale alla fine non conta nulla.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.