la lettura per l’estate

la lettura per l’estate

DSC09344

Cominciava appena dopo il Santo, il tempo sconfinato dell’estate. Era finita la scuola, i verdetti si sarebbero visti a giorni, ma la porta del far nulla operoso era già spalancata. C’erano quartieri della città, anche in centro, che erano un paese. I ragazzi sciamavano assieme. Poco divisi per età, quasi tutti ruotavano attorno al patronato e ai campetti dove si giocava a carte e a calcio. Io abitavo in uno di quelli ed eravamo bravi ragazzi. Anche quelli che eccedevano nelle sciocchezze, lo erano, c’ avrebbe di lì a poco la vita a separarci. Il discrimine era il censo e i 15 anni, chi continuava ad andare a scuola, chi al lavoro, chi stava bene economicamente e chi no, chi cresceva in mezzo alle timidezze dell’età e chi le avrebbe superate d’ un balzo e magari finendo in riformatorio.

In quell’estate che sta cominciando, ho 13 anni da poco. Luglio sembra lontano e settembre in un altro anno, fa molto caldo e si va a nuotare alla Rari Nantes, la sera si esce fino a tardi, i pomeriggi sono un prato infinito di possibilità e di noia. Ho già l’abitudine di leggere assai. Molto Salgari e molta fantascienza. la biblioteca Salani, i classici per ragazzi, che rileggo, i promessi sposi di mio fratello, che mi sembra un bel romanzo, London, Stevenson, Verne, Dumas, Molnar, qualche inglese strappalacrime, insomma una macedonia di parole. Ho amici coetanei e più grandi. Gli amici a quell’età insegnano perché si ha fame di apprendere. E apprendo, quello che mi fa bene e anche altro. Funziona l’emulazione oltre che la competizione. Si prova fino appena oltre il limite del coraggio.

Ho un amico parecchio più grande che mi da lezioni di francese. Studio niente, solo quello che m’interessa. E i “risultati” si vedono. Basterebbe poco, ma a me sembra tanto. Da lui sento che andrà in montagna. I democristiani andavano in montagna, i comunisti al mare. Io andavo al mare, ad agosto, i miei erano comunisti. Mi dice che porterà con sé, due romanzi grossi. Di quelli che si leggono d’estate. Dice proprio così. Fino a quel momento non ho fatto differenze, a me interessano le storie e se durano più a lungo, meglio. Capisco che crescendo, possono cambiare gli usi del tempo: romanzi brevi durante l’anno, lunghi e impegnativi d’estate. Il tempo della lettura per chi fa il suo dovere è nel riposo. Io che il mio dovere non lo faccio proprio, leggo seguendo la voglia. E’ quasi una lezione di morale applicata all’età, il premio ce lo si elargisce dopo aver fatto ciò che si deve. Insomma scopro un controllore interno che prima non mi pareva esistesse. Devo dire che il controllore ha funzionato come voleva, poi, negli anni, forse era guasto. Il mio amico leggerà Il cardinale di Robinson e forse un nuovo libro di Cassola: la ragazza di Bube, oppure il romanzo di quel tedesco comunista: il tamburo di latta di Grass

Ci sarà da riflettere e discutere. Così dice. Mi piace questa idea che finita l’estate si possa discutere di quello che si è pensato dopo aver letto, ma non è il mio caso. E mi vergogno un poco a dire che leggo gli orrori di omega, il pianeta impossibile, le sirene di Titano, fanteria dello spazio, ecc. ecc. e che mi piacciono pure molto. E così non lo dico.  La sua casa è fresca, è dentro un vecchio palazzo. Mi pare che con quel fresco potrei anche uscire di meno, se avessi da leggere. Si potrebbe essere autosufficienti con la fantasia, se si avesse da leggere. Rimugino. Mi piace questa idea dei libri grossi, ma non durerà molto in testa, perché quell’estate è speciale, per il sole, le corse, il mare, i giochi, i pensieri nuovi.

L’estate attende appena fuori. Predomina il caldo e la pelle che si abbronza, i giochi di carte che fanno un po’ adulti, il molto parlare assieme prima dei silenzi dell’adolescenza, il gioco. L’ultima estate bambina prima dei pensieri più ricchi di desideri difficili da maneggiare. Però, da allora, in estate leggo un grosso libro. Li leggo tutto l’anno, ma quello d’estate è quasi un rito, come ci fosse qualcosa che mi riporti ad allora, all’imparare a pensare e poi discutere. Come una spinta in avanti in mezzo all’ozio e al far nulla. Un tempo utile a me. E a chi sennò?

8 pensieri su “la lettura per l’estate

  1. Ozio .il tempo utile
    Che dell’inutile non sa
    Non vede
    .riposa
    Nell’inutilità del pensiero

    Ah..l’estate
    .pigra e .vacanziera
    Non si concede
    . Tutti i dí

    Un tempo errante
    E fante

  2. Per ora solo questo, Will:

    senza nulla togliere alla versione di Summertime che hai postato qui ora, personalmente trovo stupenda la seguente:

    intensa, forte, passionale, sensuale e …anche di più … 😀 😉

    Bel fine settimana, Will, sperando che il tempo sia clemente, chè abbiamo tanto bisogno di sole!
    Ti lascio il “solito” sorriso
    Ondina 🙂

  3. I miei erano missini e passavano l’intera estate al mare, dalla nonna. Anch’io leggevo secondo il gusto e il capriccio. Solo cose che mi piacessero. Continuo ancora a fare così anche se mi sento in colpa di non avere abbastanza volontà da costringermi a leggere i libri che non mi piacciono. Se la lettura non è un piacere, che piacere è? (riconosciuta la dotta citazione della reclame del caffè?)

  4. riconosciuta riconosciuta .-) Il piacere facile della lettura e quello arduo del capire oltre. Ci stanno entrambi e bando ai sensi di colpa, libertà di leggere ci vuole. Ché in fondo noi siamo ciò che leggiamo. Il paicere coincide con noi. Buona giornata Rita 🙂

  5. Su Keith Jarrett, Ondina, abbiamo gusti molto simili e la sensualità di questo brano è singolare persino nella sensuale Summertime. Conto sulla clemeza del tempo, anche se pare segua certe sue misteriose vie nell’interpretare l’estate. 🙂 Bel fine settimana a te, comincio le mie vacanze 🙂

  6. Se penso alle estati mie da adolescente ricordo quanto bramavo le liste dei libri da leggere durante le vacanze che ci dava il prof di italiano.
    Ero quindi “autorizzata” ad andare in libreria ad acquistarli (la biblioteca è arrivata molto dopo, non abitando in città all’epoca).
    😃
    Per questo molti miei compagni di classe mi guardavano di traverso essendo il nostro un istituto tecnico in cui le materie umanistiche, come ben si sa e purtroppo, erano poco valorizzate. 😃

    Più recentemente ricordo la storia/biografia di Hitler e “Dio di illusioni” della Tartt e ancora “Il museo dell’innocenza” di Pamuk.

    E durante le vacanze che sto per iniziare sarà volta di “La vita istruzioni per l’uso” di Perec….(non è grossissimo ma basta 😃, oltre ad altri naturalmente che non elenco qui per non annoiare ulteriormente).
    Del resto approfitto anch’io delle vacanze dal lavoro per dedicarmi ai grossi tomi altrimenti non leggibili durante il resto dell’anno.

    Grazie per i ricordi che hai sollevato Will e per la tua bella riflessione mista ai ricordi della tua, credo molto bella, infanzia.

    Buone vacanze anche a teeeee 😃
    Con un altro sorriso
    Ondina

  7. Le mie letture furono molto più brade, Ondina, avevo un rifiuto per tutto ciò che mi veniva imposto, ma qualcosa mi fece scoprire che nei libri potevo trovare la libertà. La stessa che mi consentiva la fantasia. Imparai ad utilizzare presto le biblioteche e le disponibilità degli amici. E’ bello questo tuo ricordo, pieno d’amore edella ricerca di una libertà ordinata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...