monte corno

monte corno

20151025_154902

Dove ora fiorisce  la camomilla, il timo selvatico, e il cardo piumoso,
bacche rosse sfolgorano dalle pietre,
C’è profumo d’erbe d’autunno dov’era la trincea,
e più avanti, sul ciglio d’infinito, l’avamposto diruto ancora guarda la piana.
Attorno,                                                                                                                                                         tra schegge di bianco puro calcare,
fosse d’antiche granate                                                                                                                               non conta di chi fosse in quella ruga,                                                                                                           che il declivo conquista ricoprendo di fiori e rami spinosi,
ma lontano gli azzurri monti
e la pianura avvolta di bruma,                                                                                                                         hanno accolto allora gli sguardi.
Nei giorni di limpido freddo,
luccicava d’acque e riflessi, l’orizzonte,
ed era la bellezza inconsapevole e cruda,
a stringere nel pugno il cuore e la vita.

3 pensieri su “monte corno

  1. Non è la prima volta che mi capita, anzi….
    ma tu Will hai la capacità, con le tue parole, di mostrare i luoghi che descrivi, riesci a farne cogliere i profumi, le presenze e la storia, in sequenza di immagini.
    Bravo davvero!

    Spesso mi sono chiesta:
    come saranno stati i posti di guerra, il fronte e i panorami intorno, ma soprattutto come li avranno osservati e vissuti coloro che stavano lì a combattere, di qualsiasi nazionalità fossero?

    Bella giornata Will
    con un sorriso
    Ondina 🙂

  2. Concordo con @Ondina : sei bravissimo caro @Wil …. di quella bravura poi, e questo per me conta di più, NON cercata, NON esibita … ma sinceramente tua ! 🙂

  3. Non riesco a non pensare che erano giovani, spesso ragazzi, in un ambiente bellissimo per vivere e in una situazione infernale per morire. E vedevano le stesse cose che vediamo noi per diletto, in una pace di cui non ci rendiamo ben conto.
    E il monte si riprende le offese ricevute, li ricopre di piante e nuovi fiori, difficile non pensare che siano un inconsapevole omaggio a chi allora soffri e perse la possibilità di vivere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...