fuori, il semaforo

fuori, il semaforo

Il sapore di caffè satura il gusto. Rimane un amaro temperato, un preannuncio di dolce.

Le parole sono saltellate da una bocca all’altra, hanno screziato di lampi divertiti gli occhi, prima disteso e poi tirato il viso, e i sorrisi non sono mancati.

Le mani hanno manipolato l’aria, fornendole contenuti e forse lei s’è stupita di ciò. Un tono di voce ha fatto girare una testa, l’altra già guardava, e per un attimo, sono stati stupiti e curiosi, gli sguardi, poi sono tornati estranei, distratti da uno scroscio improvviso di tazze.

Un guaio? Forse no. Ma tutti, per un attimo, siamo diventati un po’ vergognosi d’innocenze immeritate, prima di tornare a guardare gli occhi e le mani.

E le parole e i silenzi sono ripresi, gli argomenti rimessi in moto, come le auto ferme al semaforo, oltre la vetrina schermata agli sguardi.

Il rosso, il verde, il giallo, si vedono. Basta alzare gli occhi verso il cielo e sono li che schermano le stelle e contengono, in quello scorrere di piccoli minuti, pensieri che portano a luoghi, idee, obbiettivi. 

C’è un senso di ripetitività nell’aria, che mescola, con la luce, i gas di scarico. Radicali d’azoto e carbonio, liberi di fluttuare verso abitacoli e ciclisti.

Cambiamo discorso? Ma no, mi piace parlare, non ti accorgi che…non c’è noia, c’è solo il tempo che scorre troppo in fretta e s’illumina di verde, di rosso, di giallo, nella sera che viene.

3 pensieri su “fuori, il semaforo

  1. Mi piace F.Hardy. Mi ricorda quando stavo a Parigi e come lei camminavo ore e ore e forse anche cantavo. Ripetitiva anche nel camminare. Forse per non uscire dal mio dei temi. È difficile che io provi noia di me. Ma la sera è qui. E allora Buona Serata

  2. Ecco la differenza con gli …scribacchini:
    rendere interessante e degno di nota un momento che altrimenti di solito è archiviato come banalotto e non rilevante, sicuramente non degno di nota.

    Mettere in luce e dare importanza anche ai piccoli dettagli, agli sguardi, alle parole scambiate e ai pensieri che altrimenti fuggirebbero: ecco _parte_ della tua bravura, Will. 🙂

    Bella giornata e quasi bel fine settimana
    Un sorriso a te,
    Ondina 🙂

    Ps.
    Ah, ma non per ultimo:
    credo sia stato felice il tuo interlocutore e compagno di discorsi… 🙂

  3. I momenti in cui si sta bene assieme dovrebbero esserci in ogni giornata, accettiamo con troppa accondiscendenza di non dire nulla, di restare nel vago, di non comunicare. Grazie 🙂 e buona giornata a te Ondina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...