l’asciugamano

l’asciugamano

L’asciugamano è contento,

odora di schiuma, lavanda ed erba.

E annusando per bene avverte un sentore di fumo.

Tolto dai baffi.

Messo a vivere sullo scalda salviette,

sopra pile di giornali, che attendono,

anch’egli aspetta il mattino,

la finestra che s’ apre, la tenda che sale, il cielo che si mostra.

Dopo la tenerezza d’una doccia,

si stende volentieri sul corpo:

è curioso e sensuale per natura.

Forse ricorda l’ultimo asciugare della notte,

quello che non ha tolto stanchezza e sonno, ma solo acqua e schiuma.

Di cosa odoravi? Di nebbia sottile, di strada,

d’ asfalto e di rami carichi di pioggia notturna?  

E anche dell’ultimo discorso che ancora pesava,

vorrebbe sapere,

l’odore d’attese buttate, di sogni disfatti,

cos’era?

L’acqua ha provato a lavarlo dal viso,

però non accade che i pensieri grevi si sciolgano

e muto e discreto ha accolto il vapore dei fiati incontrati,

la traccia dell’ultimo dei baci,

l’odore un po’ amaro del lasciarsi,

la speranza che ha stretto a lungo

per tenere memoria.

Dallo specchio vedo guarda le spalle,

indaga sul viso felicità nuove e scontente 

che scavano solchi e il sonno non spiana.

Meglio ascoltare l’intuito del cuore, gli racconto, mentre caldo avvolge il mio viso.

Una goccia ritma una piccola perdita d’acqua

e nel buio la notte si spegne.

4 pensieri su “l’asciugamano

  1. I solchi scavati che il sonno non spiana sono preziosi, perché sono noi, il nostro divenire, unico e anche sofferto.

    La goccia che ritma è solo …una goccia d’acqua? 😉

    Hai reso poetico e intenso anche il banale e quotidiano asciugarsi, Will. 🙂
    Chapeau….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...