era del cartaceo

era del cartaceo

foto (27)

Oggi ci sono i nativi digitali, io appartengo al cartaceo, era sporca d’inchiostro, inchiodata alla dimensione delle pagine. Meglio l’A4 per scrivere, ma più o meno, senza sottilizzare, ché già il formato americano è troppo lungo. Meglio la carta pesantuccia, facciamo oltre i 90 g/mq. Facciamo, ma in realtà è un piacere scrivere ovunque: sulle buste in verticale, sul verso di fogli stampati, sullo spazio bianco lasciato dai sintetici adulatori dei comunicati, sui fogli A4 piegati per lungo, a metà. E chissà in quanti altri luoghi si può scrivere, tenendo una penna con tre dita e senza percuotere una tastiera con sette, otto. Eppure sia un pennino o una sfera (preferisco il primo o almeno l’inchiostro liquido) ad accarezzare la carta, tirare file lunghe di caratteri, riconoscersi, nelle volute, nel taglio delle t, nella chiusura delle vocali, nel cancellare (bello riconoscere il proprio modo di cancellare, ché in questo si coglie dove è svoltato il pensiero, tornato indietro, c’è la traccia della scelta barrata nella parola oppure il diniego a leggere, che si vergogna di ciò che era sfuggito. Dove leggi questo nei nativi digitali?), in tutto questo c’è il procedere spinto dalla forza incoercibile di un pensiero, da una voglia che si somma, che trabocca, che prende per mano. Eh, già, per mano. Controllare i muscoli della mano, del braccio, la pressione è diversa, segue le emozioni, si vede. Non potrei con una tastiera, dovrei descrivere ciò che è impalpabile e che vale per me, per la mia sensibilità, per il peso dei miei pensieri. Non potrei per me che ammiro i calligrafi cinesi e giapponesi, che scorro un testo cercando il carattere di chi l’ha scritto. Oltre, dentro, tra il testo. Già, il testo. Vanno bene i testi a stampa per tutti, per quegli schizzi di endorfine e adrenalina che provocò l’emozione dello scrivere e che ci tornano addosso, ma leggere un testo scritto a mano è qualcosa che supera il limite della pudicizia, espone la nudità perché mostra una nascita.

Il calligrafo si ferma, si bea, si perde nel carattere e come per il lessicografo, seziona dentro di sé per farlo, taglia il resto, mostra il particolare, sembra trascurare la storia, mentre si ferma su chi scrisse e scrive, e legge negli spessori, nelle distanze, l’umore, l’arte veritiera ed esigente dello scrivere. Arte, perché propria e senza veli che non siano i propri, ma spesso oltre questi trasuda e non c’è tecnologia che freni, si sovrapponga, insegni e guidi, ma solo qualcosa che estrae, espone ciò che risiedeva in fondo ad un’anima. E sarà riconosciuto da molti come propria cosa, quel descrivere, oppure così dissimile da essere unico, e importa poco se l’una o l’altra condizione si verificherà: qualche sintonia, in qualche luogo, sancirà la magia di un incontro senza fisicità, solo sensazione comune.

Ci fu un tempo in cui questo non c’era e ci sarà un tempo -lo è già questo- in cui sarà diverso. La tecnologia rende differenti, cambia l’uomo, e ciò che c’era prima diviene obsoleto come l’abilità per farlo, ma le idee e il modo di produrle, resta. Cambiano solo i limiti in cui tutto questo avviene. Così chi usa la propria calligrafia si bea un poco dell’abilità inutile che possiede, come facevano i suoi nonni che sapevano convenientemente scrivere ciò che serviva e raccontavano a voce ciò si poteva narrare con una abilità che faceva sembrare sempre nuovo e attuale ciò che già si sapeva. Storie vere, senza caratteri scritti, che sospendevano il fiato o facevano esplodere il sollievo e quel raccontare gli bastava perché era pieno di segni, di sospensioni, di voce che mutava, che sarebbe stato impossibile mettere nei fogli, nei caratteri, nelle pagine da leggere faticosamente. Ci fu un predominio dell’oralità, poi venne la scrittura, ma coesisterono entrambe a lungo, oggi è più difficile.

Sono un nativo cartaceo, molto inchiostrato, e il mondo è già digitale, insomma una curiosità antropologica tra poco. Mi sembra strano non sentirmi fuori posto, continuare a provare il piacere sensuale di scrivere con una penna, tener da conto questa condizione come una diversità che conta, considerare che ciò che scrivo ora su una tastiera, è qui a fianco e ha i suoi caratteri allineati sulla carta. Mi sembra lo strano che provoca la meraviglia, non la paura d’essere superato, ma lo stupore di vedere come procede il mondo e cosa perde per strada. C’è la tirannia dell’utile come possono sopravvivere le abilità manuali? Però in questo angolo di passato mi trovo bene, e mi avvicino a cose e persone per me un tempo inimmaginabili, al calligrafo cinese o giapponese che ammiro nel suo dipingere, alle parole che perdono senso se non sono scavate nei caratteri, al riconoscere i propri simili in ciò che lasciano come tracce, al fermarsi con curiosità davanti a una pagina scritta a mano. Mi basta e avanza.

6 pensieri su “era del cartaceo

  1. grazie grazie 🙂 anche se credo ormai di essere oltre al vintage per lo scrivere. Però una non piccola parte delle cose che hai elencato la faccio, e anche di quelle che non ci sono, perché mi pare meglio. Ecco.

  2. Rivedo tutti i tipi d’inchiostro che ho usato a seconda degli umori e stati. E’ da mò che non li uso più per dare alla fretta la sua necessità di biro. La tastiera è un mezzo altrettanto buono per i tempi che si è costretti a subire. Ma Il cartaceo,la scrittura sul cartaceo,a penna a matita o a biro continueranno a far vivere le emozioni e,con loro l’indefinito del tempo. Mirka

  3. ormai ho una scrittura diventata brutta per l’uso sciatto che ne faccio. appunti al volo in ufficio, rigorosamente con il lapis, oppure biro nera nel compilare ordini. scrivere scrivo su word, mi viene meglio. sono cartacea nella lettura, leggo libri di carta, anche se ho guardato più volte kindle ma poi ho detto nooooo che ci faccio con kindle ???? da bambina mi piaceva scrivere a macchina, andavo in ufficio con papà e mi divertivo a pigiare sui tasti, tant’è che ad un certo punto mi regalò un’olivettina, la mitica 22. mi piacevano i fogli sottili, le veline di antica memoria, chi ha vissuto quei tempi sa di che parlo. spero tu stia bene e sopravissuto al royal baby : adesso che è nato, siamo più sereni, possiamo pensare a cose meno serie…ultima nota : io sono un po’ incazzata con tutti questi che ricattano : prendi oggi il corsera e quei due sarti di D&G che se conferma la multa se ne vanno, marchionne che se il tribunale conferma se ne va dall’italia…io ieri ho ritirato una multa per non aver pagato la spazzatura : 232 euro. dici che posso dirlo al corsera e ricattare qualcuno ?? 🙂 ciao robertì, statte bbbuono…

  4. Cara Miss Minnie, ma secondo te se condannano il b. se ne va anche lui? Riuscirei a sopportare tre, dieci canali televisivi in meno pur di avere un paese con un ricattatore in meno.

  5. ma dove vuoi che vada B ??? dal suo amico putin , e sta pure lui in aereoporto?? alle caymann e fa la fine di ligresti ?? ci pensa il pd, caro willy, a salvargli le chiappe. tranqui 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...