buona notte Italia

buona notte Italia

Spazzola con cura i capelli bianchissimi. Guarda verso il basso, intenta nel suo lavoro di preparazione al sonno e non mi vede. Indossa uno di quei completi fatti di maglietta e gilè accollati, entrambi neri. Avrà tra i 70 e gli 80 anni. Difficile dirlo. La sua stanza da letto è sotto il portico. Ha un sacco a pelo, di quelli finti militari, che usavamo nei campeggi da ragazzi, e una borsa che le fa da cuscino. Due archi più in là dorme su dei cartoni un’altra persona. Lei è pulita, ha perfino qualche tratto di civetteria inconscia, l’altro, è un uomo, sembra sporco. Forse è la coperta logora e la polvere che ha attorno che lo fanno sembrare così. Nel giardinetto vicino alla chiesa dorme qualcun altro coperto di carta. Stanotte fa freddo e la città ha sempre più poveri che dormono per le strade.

Porta, porto, portico, hanno la stessa radice, quando si perde la casa non c’è più una porta e allora si cerca un altro approdo. Questi sono approdati sotto un portico da chissà dove. Quella signora avrà avuto passioni, si sarà sentita amata, bella, avrà avuto cose sue attorno, una famiglia, speranze, un lavoro, una porta da chiudere o da aprire, adesso non ha nulla o quasi e ripete i gesti che un tempo sono stati importanti. Come se la cura di sé l’ancorasse a qualcosa. Ha ancora una identità. E’ persona. Le offro un pacchetto di biscotti, mi guarda, sembra non capire, poi li accetta. Le auguro buona notte.

Buona notte Italia, buona notte città, buona notte a tutti quelli che dormiranno nel loro letto, nelle loro case. Buona notte a tutti quelli che una casa non l’hanno più.

E’ davvero notte. Lo è sempre stata, ma ora mi pare di più. E’ scuro nelle nostre strade bene illuminate, non c’è luce, abbiamo paura di fare qualcosa che non serva solo a noi. Cosa ci è accaduto davvero?  

6 pensieri su “buona notte Italia

  1. sono felice non sia accaduto Mimì, non di rado il confine è davvero labile. E soprattutto la disattenzione di chi è più fortunato non aiuta.

  2. Queste persone mi fanno una pena infinita. E tra di loro noto purtroppo che ci sono tanti giovani… 😦
    Indipendentemente dall’età, essi mi fanno interrogare su cosa abbia portato loro alla scelta (nella maggioranza dei casi non-scelta) che han fatto, alle storie e alle vite e alle tragedie e solitudini che ci sono dietro e allo stordimento che molti di loro cercano bevendo.
    😦
    Stavolta senza sorriso, ciao Will 😦
    Ondina

  3. E’ così Ondina, dietro a queste vite ci sono storie molto spesso normali, solo che qualcosa non ha funzionato, nessuno ha aiutato e tutto è poi scivolato verso la marginalità. Fino a qualche mese fa, c’era una coppia nel parcheggio vicino al convento, dove metto l’auto, che dormiva in macchina. Una utilitaria a cui oscuravano i vetri con giornali, poi il mattino uscivano e andavano chissà dove. Poi sono spariti, adesso saranno altrove, magari cacciati da un vigile, oppure una situazione sarà diventata più favorevole, quello che dovrebbe colpirci non è solo la miseria ma l’incapacità pubblica di affrontarla e ciò che si chiama sfortuna sembra sia una maledizione divina a cui non c’è rimedio. Non sono pensieri allegri, ma mica ci devono essere solo quelli.
    Buona domenica Ondina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...