lavorare a casa

Il lavoro è anche un luogo dove si vive, dove andare, con abitudini e regole. Tutto questo lo sa bene chi il lavoro lo perde, oppure ne esce. Allora la casa, l’assenza di orari prefissati, il non avere un fine definito al fare diventa straniamento, fallimento del sé.

Anche l’uscita da un lavoro, la rideterminazione di uno nuovo o ancor più la pensione generano sensazioni sono simili, eppure differenti, ad esempio nel caso della pensione in parte la questione economica legata al lavoro è risolta, e in comune con gli altri casi restano i nuovi impegni da costruire, il tempo da usare convenientemente. Comunque anche la pensione è un ritorno a casa.  Ben lo sanno le donne che si vedono ritornare quest’uomo, che non conoscono durante il giorno, della cui presenza non sono abituate e di cui non sanno ben che fare.

Credo che per l’uomo la casa abbia una funzione diversa che per la donna, naturalmente fatte le debite eccezioni, è un luogo da cui uscire più che un luogo in cui stare. Per non pochi uomini sembra che la casa sia un limite, un luogo essenzialmente di riposo notturno e di lavoro manutentivo, che con difficoltà viene vissuto come il proprio “luogo”, magari per ozi piacevoli. Una fantasia che apparteneva molto alla generazione del posto fisso, attribuiva all’età della pensione la funzione del riposo e della saggezza per aver molto vissuto e visto e lasciava a quel tempo il compito del fare ciò che si era a lungo rimandato, adesso la riforma Fornero toglie la fantasia spostandola troppo in avanti in una realtà fatta più di stanchezza che di nuova età del vivere. Comunque Fornero o meno, non è così, ciò che non si è fatto era in realtà il sogno di una vita altra, un universo possibile che ha vissuto senza di noi quando si sono fatte altre scelte. E la pensione non è una vita altra o almeno, non è quel rovesciamento di opportunità che si pensava perché la testa fatica a mutare e il tempo è la prosecuzione di quello precedente da ricomporre e a cui dare un nuovo senso.

 

8 pensieri su “lavorare a casa

  1. già mutare il ritmo, dare un senso. E’ che fino a prima tutto ha corso veloce, poi d’un tratto ci si ferma e a volte è il vuoto. Bisogna essere sapienti a investire nel futuro della pensione, tenere vive passioni, interessi, progetti. (E beato chi la pensione ce l”avrà, accidenti, almeno lui se la goda).

  2. Sicuramente saprai gestire al meglio il tuo “tempo ritrovato”, saprai godere della libertà che prima non avevi o avevi in misura minore.
    Eppoi sai che bello: lavorare solo se ne avrai voglia, praticare i tuoi hobbies e le tue passioni come e quando vorrai….

    Come dice Esercizi di Pensiero, beato te che alla pensione ci sei arrivato, io non la prenderò mai, considerata la situazione economica nazionale e il fatto che io stramazzerò prima sulla scrivania … 😦

    Buona serata, ciao 🙂

  3. @esercizidipensiero: in qualsiasi cambiamento c’è disorientamento, certo i progetti, le passioni sono un buon motore, bisogna avere un’idea della direzione. Non ho ben capito quale sarà la mia condizione futura, già la parola pensione mi riesce negativa, almeno un albergo per stare bene 🙂

  4. @ilmiosguardo: è un tempo nuovo, Ondina, e neppure molto visto che continuo a lavorare, poi la libertà è sempre stato un tema forte della mia vita, chissà come verrà coniugata in futuro… Certo non in misura, né in qualità inferiori 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.