spiegel

spiegel

Ho messo le vesti l’una sull’altra,

con cura preziosa allo sguardo,

che voglioso ha stropicciato i ricordi,

come il brivido dei momenti d’assenza.

Così fino alla pelle,

al corpo nudo ora riflesso.

Con stupore seguo segni,

la mappa del tempo che scrive,

di ciò che mai si legge nel giorno.

Il corpo da dentro si scava,

nell’ora che muta distratta,

e con dolce carezza toglie il superfluo,

di questo ora tengo misura.

Del vibrare screziato di sogno,

di passioni frangiate di brina,

dell’indifferenza che accompagna la quiete,

di questo ora tengo coscienza,

ma c’è ancora uno slancio impossibile,

tra scatti di luce nel vuoto?

Perché lì, cieco a me, colgo il segno del giorno,

la traccia oltre il sopor d’abitudine .

Eppure sembra impalpabile il tutto,

oltre il tenero della pelle che vedo,

che è seta prima d’essere tessuta,

un colore di bava tenace,

da posare su morbide labbra,

un filo,

gettato oltre ciò ch’è sembrato d’essere,

oltre ciò che s’è conosciuto.

4 pensieri su “spiegel

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...