molte le oche incaute

molte le oche incaute

Nella piccola aia, molte le oche incaute d’ autunno,

alcune battono le ali,

e sembra l’intento d’un volo,

ma è solo idea di libertà volubile,

nell’accenno subito scordata.

 Dicono la fine dell’estate il giallo della matura soia , 

e l’ultimo granturco, 

la campagna silente ascolta.

Nella terra rotta dalle case,

qualche voce chiama, note da radio in sottofondo, 

una coperta al sole

sbatte piano in distratte onde,

è oltre il campo il rombo

dei motori e strade.

Verso est, 

tutto corre incontro al sole

là dove l’autunno inizia,

a sera i primi fumi, e il freddo,

che ancora non ha nome,

ma riga d’un brivido la pelle

come pensiero che più non si trattiene.  

Un pensiero su “molte le oche incaute

  1. Sono deliziosissimi questi tuoi versi, Will.
    Mentre li leggo vedo scorrere le immagini di quel che ci descrivi (mi succede spesso con i tuoi testi, sai?)
    Però l’arrivo dell’autunno a me mette addosso un po’ di malinconia… :-/

    Bella settimana Will, piena di colori e cose belle! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...