felici d’esser felici

C’era una sublime confusione d’acque spartite,

di procelle imminenti, d’infinite risate.

I pensieri vorticosi inghiottìvano dubbi,

girevoli porte d’hotel

che poi tornavano su te, su me,

nell’aria che sapeva d’ombra, di folla, di buono.

Si può amare molto un caffè imboccandosi il dolce,

e sommessi ridendo.

Sincronizzare il passo prima d’una corsa,

per scherzo e per bere il respiro dalla bocca,
per stringere più forte la pelle
e dire quel mio che luccica d’ acciaio.

Così nasceva e si compiva ogni giorno una parabola,
un razzo a solcare la notte e
una prua a dividere ciò che si riuniva
dietro noi,

perché non c’era un prima ma solo il giorno
e le stelle ad accennare una via.

Imprecisi come il vivere, dicevamo:
non ho mai chiesto alla rosa d’essere altro da sé,
e questo era in ogni parola, ogni carezza, ogni bacio.
Felici d’esser felici.

2 pensieri su “felici d’esser felici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.