il mito dell’autosufficienza

Non essere d’altri che di te stesso.

E’ un imperativo della libertà, del non essere servi di qualcosa, di qualcuno. Da qui comincia il bisogno di libertà, l’essere con altri e il bastarsi. Il servire è un dono, un dare, un essere aperti all’altro. C’è un profondo amore ed anarchia in tutto questo non sentirsi appartenenti se non a sé eppure darsi. Non bastarsi. Mi fermerei su questo non bastarsi – e per questo darsi –  come gesto naturale che ha risolto, almeno in piccola parte il problema della solitudine. Il mito dell’autosufficienza attuale è ben diverso, punta sulla capacità dell’individuo di prevalere sugli altri, genera una solitudine da potere e quando il potere non è raggiunto alla solitudine si aggiunge il fallimento personale. In azienda, nella società, si insegna la competizione esasperata, non il darsi liberamente all’altro e la solidarietà del gruppo coltivando l’autosufficienza. Da questo insegnamento proviene una doppia conseguenza: una solitudine non scelta e crescente delle persone e un’ autosufficienza fasulla, visto che porta con sé la disperazione.

L’autosufficienza vera è quella che intraprende il viaggio verso la scoperta del sé totale, della propria diversità nell’eguaglianza, perché proprio nel riconoscere in cosa si è eguali si vede ciò che è unico in noi. E come ogni viaggio vero, questo scendere nella nostra autosufficienza apre, fornisce una dimensione, assume un criterio profondo di giusto e ingiusto, trova la giusta distanza, esercita l’autoironia per vedersi.

6 pensieri su “il mito dell’autosufficienza

  1. Giusta riflessione, ma trovo che la cosa più appagante sia quella di avere consapevolezza di essere autosufficiente…eppure avere la volontà di darsi comunque 🙂
    Buon fine settimana!

  2. Credo che,per darsi totalmente e senza riserve,sia necessaria una fiducia profonda alla quale affidarsi per emergere ancora più ricchi di sè ma con qualcosa di nuovo.Una molecola espansiva di leggerezza,trionfatrice sulla vita stessa come su ogni naufragio,accumulato e pesante come tutte le “autosufficienze” fasulle.
    Bello l’aver messo Carlos Kleiber.Mirka

  3. Sono d’accordo sul fatto che bastare a se stessi sia la via per la libertà e la conseguente felicità, poichè siamo noi i maggiori artefici della nostra vita e della conseguente felicità o meno ed è inutile attenderla da altri all’esterno di noi.

    Ma sono altrettanto convinta che se non si condivide, se non ci si affida, se ci si chiude in se stessi per la presunzione di bastarci, saremmo mutilati e insoddisfatti comunque.
    Quindi quello che cerchiamo, come la felicità o altro, lo troveremo sì in noi, ma per venire alla luce ha bisogno anche degli altri.

    Che sia una serena giornata Will, ciao 🙂

  4. @ Ondina : quando si è autosufficienti o almeno si prova ad esserlo, il dare ha un sapore particolare e la felicità si condivide ancor di più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.