invidia e fascinazione

Tra le poche cose che resistono alla fascinazione, l’invidia eccelle. Anzi diciamo pure che l’invidia resiste a tutto. Anche alle passioni oltre che alla norma. L’invidioso instaura il dialogo, lo provoca, ma nel dialogo non si parla dell’oggetto comune, perché ciascuno parla di una sua visione dell’oggetto, solo che l’invidioso, nel mentre ne parla, lo distrugge. Prima dentro di sé e poi esternamente, finché l’invidioso viene talmente attratto dalla distruzione dell’oggetto invidiato da non volerlo più, se non scomparso; così smarrisce ogni contatto con il reale, e naturalmente con la sua relativizzazione. L’invidia altera quindi talmente tanto la comunicazione da chiuderla, pur mantenendola aperta. Ascolta solo se stessa, e della comunicazione prende ciò che le serve per il suo scopo, ovvero la distruzione del positivo dell’immagine dell’oggetto desiderato. Quindi l’invidia è una passione negativa nel suo tendere all’assoluto del possesso, nel suo pervadere interamente chi la prova e nel brucialo come nelle passioni positive, ma, al contrario di queste, si chiude in sé e si autodivora.

L’invidia ha nella mia immaginazione lo stesso color rosso della passione, me ne sono chiesto spesso il perché, dovrei vederla nera, ma il nero è riservato all’odio come altra faccia dell’amore, l’invidia si dibatte nel proprio sangue, forse per questo la vedo rossa.

Perché la ritengo impermeabile alla fascinazione? Perché la fascinazione è parte dell’oggetto che l’invidia vuole distruggere, e solo esercitando una sua impermeabilità non  può essere convinta a salvarlo, a vederlo diversamente, ad apprezzarne la verità, ad accettarne la vita.

E così la fascinazione, nella sua modalità positiva dell’attrarre-essere attratti e quindi di comunicazione intima, è soccombente e non diviene un’arte del comunicare insinuante e fragile, gioco ammaliatore, sottile, biunivoco dove esiste una gara che viene vinta nell’esercizio critico e nella crescita di sé, anzi la fascinazione viene semplicemente usata, gettata nella fornace delle prove che giustificano la morte dell’oggetto di desiderio.  La prepotenza ammaliatrice di don Giovanni non potrebbe esercitarsi contro la donna invidiosa, Jago non è preso dal fascino della potenza vittoriosa di Venezia perché questa coincide con Otello, Caino, pur avendo notevoli doglianze da fare per la natura matrigna e per il mancato favore della divinità, non porta le sue ragioni, semplicemente risolve il problema alla radice, ovvero lo elimina. L’invidia distrugge l’invidioso, gli toglie l’allegria, la positività, lo marchia escludendolo dalla fascinazione, e con questo lo esclude (si autoesclude) dalla possibilità di essere felicemente attratto. 

E’ chiara una mia valutazione positiva del ruolo della fascinazione nei rapporti interpersonali, e anche con se stessi, ma di questo ci sarà modo di parlare.

File:Giotto - Scrovegni - -48- - Envy.jpg

6 pensieri su “invidia e fascinazione

  1. E’ esattamente come hai descritto…..però sinceramente a me sembra che come colore sia adatto il verde…….ne ho viste parecchie di un verde intenso……hahahahahaha Buona giornata!

  2. L’immagine che hai unito a questa riflessione ben rappresenta l’invidioso: che si fa bruciare dal fuoco generato da se stesso. L’invidia, in fin dei conti, fa male sì anche a chi ne è destinatario ma essenzialmente “morde e avvelena” (notare la serpe) chi la vive. Mi fa impressione pure quella mano “uncinata”.

    Anch’io direi “verde” ma “verde bile”, insomma un … verdaccio antipatico
    🙂

    Certo è che chi si fa prendere dall’invidia non sa quanto si perde 🙂
    sia in fascinazione che nel rapporto con l’altro. 🙂

    Buona giornata Will

  3. Che brutta bestia è l’invidia. Una mia professoressa citava “l’invidia costruttva” come possibilità di migliorarsi…Ho molti difetti come tutti ma per fortuna l’invidia mi manca e ne vado molto fiera 🙂

  4. esseri liberi dall’invidia è una gran bella libertà, da tenere di gran conto, e rende piccoli gli altri “difetti” che così neppure si vedono 🙂

  5. se vogliamo essere un po’ lievi direi che invidio : hillary clinton per la sua intelligenza, invidio i vestitini svarosky della regina elisabetta che solo lei può indossare con quella nonchalance che le deriva dal fatto di essere la regina tout court, invidio marguerite duras marguerite yorcenaur isabel allende per aver scritto libri così belli che rimarranno per sempre, invidio il pittore che lasciò le sue mani nelle caverne e ancora oggi sono lì a memoria sua, insomma invidio un sacco di persone belle, che hanno avuto le loro lacrime e i loro patimenti ma sono andate avanti a prescindere, che hanno patito l’invidia e l’hanno combattuta e ne sono uscite vincenti. ovviamente invidio anche i samurai, ma questa è un’altra storia 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.