bocca, labbra, baci, rossetto

Dal catalogo della tua bocca, labbra, baci, rossetto,

le espressioni lette assieme agli occhi,

l’arricciare del labbro, ragazzo impertinente,

una mostra di sorriso, l’accenno dei denti.

Il senso della musica di Bach sul viso,

scivola al centro delle labbra, 

e distende un muscolo prima contratto, 

s’ illumina un distratto pensiero:

nube che s’avvita si risucchia in sé,

un attimo poi basta.

I suoni sono leggibili se diventano parole, 

le tue labbra sono parole, il viso è parola

mutevole, profonda e fugace,

da prendere e conservare

(belle le cose che si rinnovano nel cuore),

o lasciare sia suono assorbito, sentito, donato:  

un dire d’espressione ora è mio,

racconto rubato.

Mirabile fusione è musica posata sulla parola,

ancella che sogna d’essere regina, ma

cantata sommessa, è essa stessa parola.

Baci, labbra, rossetto,

nulla è più tuo della tua bocca,

che, muta, parla a te senza sapere,

ed a me che guardo e attendo,

gatto assiso sulle ginocchia che s’ascolta,

ascolta.

4 pensieri su “bocca, labbra, baci, rossetto

  1. Me gustano “le cose che si rinnovano nel cuore” e quel “gatto assiso sulle ginocchia che s’ascolta, ascolta” …

    🙂
    buona serata Will, ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.