roma o toma

roma o toma

Alle sei del mattino vuotano i cassonetti.  Si sente bene in queste notti così calde e prive di vento. L’avevano fatto anche alle 23, ma quelli erano altre raccolte. Speriamo duri e diventi abitudine, intorno ai cassonetti non c’erano più i soliti cumuli di cose che la mano sembra faticare a mettere dentro. Ieri mattina passava un mezzo per spazzare la strada: non spazzava niente perché c’erano auto dappertutto ai bordi e sui marciapiedi. Però rispetto a qualche mese fa mi sembra sia più pulito ciò che si può pulire meccanicamente, se adesso disinfettano i cassonetti potrebbe persino sentirsi un odore che non fa parte dell’olfatto degli ultimi anni.

Leggo i quotidiani attacchi di Repubblica alla giunta romana in carica, certo che non gli sta in tasca che magari con fatica qualcuno ci provi dopo tanti fallimenti e rassegnazione. Il m5s non è il mio partito, il mio ha perso. Ha perduto la capitale e ha fatto finta di niente. Ma questa è un’altra storia, ciò che conta sono i cittadini e se il PD vorrà vincere preferirei si misurasse con un successo piuttosto che con un fallimento. Questa idea del non combattere per essere migliori ma appena un poco meglio di chi è peggio, non insegna nulla a chi vota. Fa di tutto, anche degli sforzi nobili, un polpettone. E siccome invece penso che ci siano differenze in politica come nella vita, io che non voglio essere uguale se non nei diritti e nei doveri, non mi adeguo al tutto uguale e così penso che fa male Repubblica a non indagare nelle cose che si fanno: è davvero tutto uguale?
Ciò che muta poco invece è lo sporco che nessuna azienda può pulire, l’odore di piscio, i rivoli che si sovrappongono sull’asfalto con segni bianchi e poi grigi che la pioggia non cancella, le bottiglie di birra o analcoliche a seconda del credo religioso, abbandonate sui marciapiedi, le infinite carte dei supermercati che pubblicizzano sconti e finiscono a strati ovunque. E poi la plastica nelle sue varie declinazioni polimeriche che insozza e rende inagibili le aree verdi, gli scarti alimentari abbandonati lontano dai cassonetti. Potrei continuare l’elenco delle inciviltà che non dipendono dalla politica ma dall’educazione. Dormendo in un quartiere multietnico non mi infastidiscono le abitudini diverse ma l’assenza di chi fa rispettare le regole magari dopo averle insegnate. Mi chiedo se qualcuno abbia parlato con i responsabili delle varie comunità dicendogli cosa si può fare e cosa non è permesso. Però stamattina i negozi di frutta e verdura magrebini avevano il marciapiedi lavato da poco mentre il supermercato all’angolo era sozzo a partire dalle vetrine piene di polvere e sporco. E qui la nazionalità non fa molta differenza: ho sentito commenti rassegnati da parte di due romani, mentre uno col piede, intanto, spostava la bottiglia giù dal marciapiedi e non la metteva dentro al cassonetto, il cane al seguito irrorava gomme e muri, la cassetta della pubblicità di casa era colma di carta inutile e nessuna mano la prelevava. Questa sarà una battaglia più lunga, fatta di sanzioni e di regole chiare, ma non la vince solo chi amministra ma i cittadini che vogliono vivere meglio.
Metto un’ultima annotazione che riguarda un fatto che ben conosco: una casa vacanze è stata multata per 2600 euro perché mancavano il cartello dei prezzi giornalieri e un divano in entrata è stato considerato un possibile letto aggiuntivo. I vigili sono passati 4 volte, la casa vacanze l’hanno fatta chiudere ma non hanno notato lo sporco nella strada, le lunghissime fila di auto sui marciapiedi, l’odore di piscio che infestava gli angoli. Ecco, credo che le regole siano importanti e comportino conseguenze, ma chi è orbo non vede la realtà e non la muta. E se questo vale per il cittadino a maggior ragione vale per chi ha il compito di cambiare ciò che non va.

2 pensieri su “roma o toma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...