continuità

Instancabili le rose rifioriscono, nel giardino abbandonato,

spargono petali,

sull’erba che si regola da sé nel crescere,

e sempre in alto cercano, gli alberi, la loro luce ed aria

senza incrociare i rami,

ché, crudeli di pudicizia, seccano le braccia che non amano,

e ancora i frutti s’appendono tra becchi d’uccello e foglie,

per poi rotolare sull’erba

a sciogliersi, nell’abbraccio con la terra:

tutto continua.

Eppure mancano i tuoi passi,

le mani a cogliere, e riordinare le confuse idee di piante e semi,

manca la tua voce che sussurrava ai fiori il crescere,

stanca di fatica, all’inizio della sera.

Le foglie faranno il loro lavoro, prive del tuo raccogliere, 

e la luce, ancora, filtrerà tra gli alberi,

komorebi, pare si dica da qui lontano,

ma tu non lo sapevi, solo ti fermavi

e detergendo il sudore dal viso, assorta, sù guardavi,

nella bellezza della luce verde,

come a recitare in te, una preghiera.

5 pensieri su “continuità

  1. “Ho errato sulla terra e non ho mai trovato a te l’uguale” . Questa poesia mi fa venire in mente i versi di Byron. Bella davvero!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.