il venditore d’elisir

Chiamiamo con il suo vero nome chi, senza pudore, governa i desideri immediati di parte non piccola di questo paese: Dulcamara.

DULCAMARA Io son ricco, e tu sei bella, io ducati, e vezzi hai tu: perché a me sarai rubella? Nina mia! Che vuoi di più?

ADINA Quale onore! Un senatore me d’amore supplicar! Ma, modesta gondoliera, un par mio mi vo’ sposar.

DULCAMARA Idol mio, non più rigor. Fa felice un senator.

ADINA Eccellenza! Troppo onor; io non merto un senator.

DULCAMARA Adorata barcarola, prendi l’oro e lascia amor. Lieto è questo, e lieve vola; pesa quello, e resta ognor.

2 risposte a "il venditore d’elisir"

  1. I paesi anglosassoni, attenti alla forma e alla decenza pubblica. Poi il privato quando diviene politico fa uscire dalla politica se contravviene alle regole della forma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.