letture

lettura per la calura

Aderisco all’invito di http://sogniebisogni.ilcannocchiale.it   sulle letture della mia estate. Per i motivi più profondi, a chiudere domande e ragionamenti accantono: ne parleremo. Ora l’estate esige il raccogliersi tra sonno e frinire di cicale, sere utili all’ozio, amico vituperato e amorevole.

Rileggo Guido Morselli: Il comunista.

Potrei puntare su altro di  questo autore amato, ma Tereza mi ha trascinato senza sapere verso questo ricordo di lettura giovanile così vivido. Ve lo consiglio Morselli. Tutto.

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Accanto metto il piluccare in ” Amore” di Kallifatidis, edito da Crocetti. Lo sto leggendo e rileggendo: se mi hanno riconosciuto in quelle righe, qualche motivo ci sarà pure.

AMORE 

Poi  di Anilda Ibrahimi: Rosso come una sposa. Una scrittrice albanese, regalatami per la scrittura limpida e contro il mio smodato uso di subordinate. Ho sommessamente ribattuto che ho amato ed amo, Gadda, che i miei pensieri sono semplicemente contorti,  ma leggere un italiano depurato e rigoroso mi farà bene.

 

Infine della poesia da tasca, tanto per ricordarmi che il diletto e il genio non sono la stessa cosa: Sandro Penna con le Poesie, edite da Garzanti.

7 pensieri su “letture

  1. ho letto rosso come una sposa e anche quello successivo amore e il tempo degli stracci : secondo me più bello, ambientato durante la guerra di sarajevo .
    ho letto di altri blogger che si spareranno libri cooooooltisssssimi, chi più ne ha ne metta 🙂
    quasi fosse una gara, un vezzo, un siamo così maledettamente snob. così distanti dai 2 milioni che cllikkano ‘na bira e ‘n kalippo…
    ah willy, questi intellettuali quanto fanno ridere.
    leggerò harmony, quei fantastici harmony dove due si detestano, poi s’innamorano, poi arriva la svolta e pare si perdano, e poi si ritrovano……l’ammmmorrre , willy.
    mi ricordo anni fa, ai tempi di arbore, quando lanciarono kundera, di cui nessuno sapeva niente : l’estate di kundera, bisognava assssssolutttaaaaamente leggere l’insospettabile leggerezza dell’essere : pure chi fino a due giorni prima leggeva fotoromanzi si massacrò leggendo kundera..
    dame ‘na bira, willy…e famolo strano, alla faccia di tutti questi pallidi giovani werther 🙂

  2. SERENI GIORNI,
    Roberto Willyco,per quello che può riguardare me e le mie letture ti dirò comunque che,rispolverò
    “L’Amore è una cosa meravigliosa” (Han Suyn) e un motivo sicuramente c’è.
    “La ragazza di Bube” (C.Cassola) vi ho trovato una dedica frugando nella mia bibblioteca nei giorni passati e mi ha incuriosito.
    “Una questione privata” (B.Fenoglio) Con lui ho sempre un conto in sospeso.
    “Lucrezio” (L.Canali) molto vicino a me e amato.

    “Amuleto” (Roberto Bolano) Ed.Adelphi
    “Trilogia sentimentale” (javier Marias)
    E questi saranno di nuova lettura.
    Bianca 2007

  3. E’ bello ritrovarsi e ripescarsi nei libri, ripercorrere altre età e altri momenti “storici”: se ne ricavano sempre nuove letture di noi; sono felice d’esserti stata di spunto!
    Gli altri due non li ho letti, anche perché per suicidarmi alla grande sto piluccando, cioè a non più di tre-cinque pagine per volta, Carotenuto e Borgna: con loro ti sottometti ad un suicidio lento, poche gocce per volta, giusto per lasciare spazio alle grandi riflessioni che suscitano…che dici, supererò l’estate?
    🙂

  4. nessuno me lo ha chiesto, ma io mi porto: Mark Twain Seguendo l’equatore, Alice Munro un paio di raccolte di racconti, Diana Athill Da qualche parte verso la fine,(sulla vecchiaia), Perché siamo infelici a cura di Crepet e, visto che lo avete nominato, mi rileggo Morselli, penso Roma senza Papa. Oggi ritiro finalmente da Feltrinelli La casa della gioia di Edith Wharton. Come sempre l’edizione BUR dei Canti di Leopardi viaggia con me.
    Ma giù le mani dal giovane Werther 🙂 : uno che ha detto “e se io ti amo, in che cosa questo ti riguarda?” merita il massimo rispetto. Buona lettura a tutti, ho preso nota di alcuni dei vostri titoli e li rimando …a settembre…
    marina

  5. Post commento: Mi porto anche Hanno tutti ragione di Sorrentino ma prima lo fodero perché i bacarozzi mi turbano fin nelle viscere
    marina

  6. che bella scelta Marina, tra noi e i libri non si capisce bene chi scelga chi, ma è un rapporto di curiosità amorevole. Twain lo riprendo dal diario di Adamo ed Eva, ma a settembre. Ho anche scoperto Cameron lo tengo in valigia, non riuscirò a leggerlo e non voglio banalizzarlo con la fretta. Fai un post con queste scelte, mi piacerebbe molto leggerlo. Se mi leggi ti segnalo che non si riesce più a commentare da Te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.