sciupafemmine

sciupafemmine

Il dongiovannismo è un mestiere serio. Non scevro di rischi, nella sua essenza, è circolare ed insoddisfacente. Prodotto alto della volontà e dell’intelligenza, si nutre di perenne ricerca, essendo la conquista, il fine che esaurisce il piacere.  Come se ne parla oggi se ne svilisce l’impegno, paragonandolo alla quotidianità amorosa giocherellona.

Meno nobile, diversa, ma attraente, è la condizione dello sciupafemmine. E molti vorrebbero praticarla, non conoscendone i rischi e soprattutto l’impegno. Inizialmente tutto sembra semplice: captare la disponibilità, condividere, lasciare, poi riprendere il ciclo con leggerezza, ma che fatica mantenere il ruolo, la capacità e la fama nel tempo. Per questo, lo sciupafemmine, dopo i fasti iniziali, ha la convinzione che le femmine lo sciupino e vorrebbe essere finalmente lasciato in pace.

Detto ciò, con buona pace della linguaccia Minnie, non appartenendo né all’una né all’altra categoria summenzionata, affermo sin d’ora che non parteciperò ai loro eventuali scioperi di protesta.

47 pensieri su “sciupafemmine

  1. Vittima più di me stessa che di sciupafemmine o altro.
    Credo che sarò latitante per un periodo piùo meno lungo (poche ore, una notte, una vita).
    Ho cercato di dare senso anche al dolore, in questo momento non trovo alcuna ragione.
    Tu sei tu e se vuoi sai dove trovarmi, come trovarmi.
    Notte (e sono stufa di notti insonni e senza senso alcuno… Willy mi hanno rubato una parte della mia vita, mi sentro strattonata, scippatata e sono io l’unica responsabile)

  2. ohhhhh……………………………………….quella linguaccia della signorina minnie :))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))

    ciao. playboy…

    minnie-sorridente

  3. strani individui gli sciupafemmine…apprendo ora da te alcuni importanti dettagli di cui non ero a conoscenza e, probabilmente, ne ho incontrati alcuni così come i dongiovanni. Non amando in genere la figura d’uomo del dongiovanni o dello sciupafemmine e tantomeno quella del “mattatore” (quello che è sempre in vista e nostro malgrado possiamo fare poco per evitarlo) e aggiungo la figura del “latitante” (quello che procede per accumulo di buche o telefonate mancate accrescendo così il suo fascino) non posso partecipare a scioperi di protesta 🙂

  4. Melania: gli sciupafemmine fanno danni, genio e sconsideratezza, altrimenti non sarebbero così attraenti. Il fatto è che si crede a qualcosa che non c’è, si fraintende, perchè è bello pensarlo. Poi la verità emerge, ma non dipende solo da una parte, non c’è un abbindolato e un abbindolatore. Non solo almeno. Cosa si chiede all’altro e cosa gli diciamo di volere. Pensavo di essere leggero e sui sentimenti la leggerezza è un lusso immemore di futuro.

    Comunque sull’argomento vedo poche esperienze e molti pregiudizi, è così?
    Pigretta: Tu chiedi e se possibile rispondo. Mica si può dire tutto, nò?

  5. LA “LIEVITA'”
    è un dono che NON “sciupa” nè fimmine nè maschuli.Tuttalpiù prende in giro l’eccesso dando equilibrio ai due piatti della bilancia. Semmai potrebbe far sorgere il dubbio di una “Verita’” solo un pò arrabbiata.Forse. Comunque,buon appetito “sciupafemmine?” che,personalmente mi fa solo ridere e si sà che il riso fa buon sangue.Sempre che non si esageri ne?… (di ridarella intendo), che allora si diventerebbe cretini con medaglia al collo! Baci abbracci e…cordialità,Bianca 2007

  6. e si, willy, ci hai ragione! io speravo semplicemente in qualche dichiarazione un pò più ardita… che qui tra un’avance e l’altra chissà che mi stavo immaginando! (love-story trasversali o giù di lì)

    comunque io voto per gli sciupafemmine: genio e sregolatezza insieme, sono davvero irresistibili… (nella loro fugacità…)

  7. condivido, willyco, la professione del dongiovanni è un impegno assai serio, da non confondere con lo sciupafemmine, più lieve e superficiale.
    il dongiovanni, quello vero, è pericoloso come un serpente a sonagli dentro una scarpa.
    inocula veleno e quando te ne accorgi è troppo tardi, ti ha già inghiottita e messa da parte, nel parcheggio di barbablu.
    tuttavia non è il caso di attribuirgli la totale responsabilità dei danni provocati: ognuno di noi, sia pur dotato di mononeuroni, è perfettamente in grado di comprendere con chi ha a che fare e il dongiovanni sa scegliere le sue prede con accuratezza estrema, senza colpo fallire.perchè la preda manda un richiamo preciso che è immediatamente riconoscibile, in mezzo a mille altri.
    è una caratteristica, questa, dei grandi seduttori ed, altrettanto, delle grandi seduttrici, che, pure, non mancano.
    narcisisti, le une e gli altri, incapaci di sentimenti profondi, si nutrono delle emozioni altrui per rafforzare un ego già ipertrofico.
    non amano una persona in quanto altro da sè, non riconoscono mai l’altro nella sua specifica individualità.
    vogliono soltanto conquistarlo, piegarlo all’adorazione di sè e poi passare ad altro.
    credo che un vaccino, in tal senso, vada inoculato.
    una dose e non ci ricaschi mai più, per tutta la vita.
    in fondo sono esseri tristi, a ben vedere.
    l’amore è altra cosa che non li riguarda.
    e se non hai amato almeno una volta nella vita, a mio parere, non puoi neanche dire di aver vissuto appieno.

  8. ALTRO DUBBIO
    sorto davanti a fragoline di bosco con neve morbida e solida.Ho l’impressione che,il buon Willy,con tutto sto cicaleccio di donne al parlamento,si senta gallo più che don.O berlusca che,giocando si diverte fregandosene di tutti meno del PIACER suo tener lontano NOIA,parenti,dolori e,becchini in cerca di lavoro…Nespà cher GIO-Sciupisciù? Vabbè,riprendiamo il lavoro che quello è SERIO e me pice.Cordialmente,Bianca 2007

  9. al solito le donne sciupate e non sciupanti.
    anche le donne sciupano gli uomini.
    lo fanno lentamente, con criterio.
    ma lo fanno.
    gli scioperi di entrambe le categorie credo non si sentano, non facciano notizia.
    il loro mestiere è lo scioperare.
    sciopero dalle buone maniere, sciopero dal rispetto altrui.
    io lavoro. (ehehehe)

  10. qui di trasversale c’è tutto, Pigretta, mi verrebbe da mettermi ad ascoltare e basta. Son persona difficile, od almeno così mi dicono, non dico di si facilmente creando scontenti. Però non mi sottraggo ai miei sentimenti e l’innamoramento è una cosa seria.
    D. : vai al cuore del problema di don Giovanni, la conquista, pur ardua, deve essere consumata per passare ad altra impresa. Non c’è ricerca dell’altro da sè e l’ipertrofia dell’ego è autosufficiente per vivere eroicamente da solo. In don Giovanni non c’è progetto comune, solo incapacità d’amore. Oppure come per Turandot si consuma una vendetta postuma che riguarda il genere.
    Non sono sicuro, però, sull’efficacia del vaccino, perchè non ci sarebbero così tante donne, e uomini, che piangono sull’amore a senso unico perduto. Dovrebbero gioire per lo scampato pericolo e cercare (o attendere) che la capacità d’amore trovi il proprio simile.

  11. Emma: finalmente emergono le donne sciupanti, che noi uomini un pò ci meritiamo. A proposito di concretezza maschile. Magari le migliori sciupano lentamente. Ma il criterio, non è così diffuso come pensi.

  12. si, willy, ma se tu metti subito le cose in chiaro così e dici che sei uno difficile… che non dici di si… che crei spesso scontenti… insomma, a ste povere sciupamasculi non dai proprio nessuna speranza!!! stroncate in partenza.
    eddai… su… (sennò noi sti giorni di che ciacoliamo???)

  13. PIGRETTA,
    forse il(don) Willyco,ha valutato che ci sarà sempre qualcuno che lo batte nel “difficile” nel NON dire “si” se non VERAMENTE convinto, e che non teme di creare “scontenti”.(Già quelli ci sono in ogni caso).Ma…di una cosa può forse costituir la DIFFERENZA.Nella PASSIONE che del viver non ne fa una partita ma solo la GIOIA che guida là dove solo il SENTIRE AUTENTICO la guida!
    Ehilallà che bbrava sono io che bbrava me lo dico tutto dasola e mi va pure bene che sia così.Dicevo or dunque,son bbrava a far le rime più che i monumentima,,buona notte lo dicoa tutti contenta che,”cuor contento il ciel l’aiuta e…così sia!” ! Bianca 2007

  14. evviva le donne sciupamaschi(la più fulgida rappresentante della categoria mi pare Carla Bruni:grandiosa)

  15. io penso che sia una questione di dove va a finire l’interesse. il don giovanni, lo sciupafemmine o la sciupamaschi sono contrentati su se stessi. donano solo qualcosa di esteriore per non lasciarsi avvicinare troppo. è questo che è così difficile, credo. è per questo che alla fine si sentono sempre soli, credo.

  16. xeena: bello questo scontro /incontro, interessante l’esito, chissà se ci sono sopravvissuti.
    Ma l’equivalente femminile di don Giovanni, Chi é?
    Non ditemi la Bovary, nè la più bella sciupauomini che abbia mai conosciuto e cioè Carmén. Aspetto suggerimenti.
    Laura: agli uomini piace essere sciupati se chi conduce il gioco è l’equivalente della Bruni. Non parlo di bellezza, parlo di modi, di esiti, diversa è la mantide, che non lascia scampo, nè vita.
    Neru: è proprio così, narciso dona solo l’immagine di sè, ma quanto viene richiesta l’esteriorità come fine individuale, come impegno transitorio? Non ho risposte, solo sensazioni che poggiano sul bisogno d’amore non educato.
    Pigretta: vuoi il gossip? sapere dei miei amori perduti, trionfanti, scollacciati, tristi, sinuosi, lancinanti, queti, soddisfatti? difficile dire senza toccare, fai esercizio di lettura, le righe a volte ingannano.
    Bianca: sul difficile non hai rivali, mi inchino alla maestria

  17. BOVARY,
    Carmen, (anche se di quest’ultima ne ho sempre interpretato il ruolo magnificamente come se fosse quello che mi diede Madre Terra),ma che stai a dì,Willy del fioretto!?… Personalmente,come hai detto tu,in uno di QUESTI commenti, NON appartengo a nessuna delle due categorie,anzi a delle tre,visto che se nè addirittura aggiunta una terza,quella della mantide.Sono semplicemente una DONNA -PENELOPE-CONTEMPORANEA che,”caparbiamente” non ha mai smesso d’attendere il SUO ULISSE,restandogli FEDELE nel cuore,pur sperimentando il CORPO come canale di profonda e mai sprecata CONOSCENZA!
    Buona giornata che la mia è cominciata da un pò,senza che il merlo canterino me nè desse facoltà e permesso! Bianca 2007

  18. hai visto, mago zurlì, che sa combinare la signorina minnie ???….eppppooii tutte donne a commentare..uhuhuh…:)))))

    buongiornata..che ieri sera si stava malissimo, poi passa, con buscopan :)))

  19. signorina minnie, quanto si è divertita a rileggere tutti i commentilli da Lei scatenati?

    Willy, ho aggiunto un tassello anche da me, così tanto per ciacolare sull’argomento…
    e no, non volevo il gossip serio ed invadente… volevo solo giocare un pò…

  20. beh, penelope proprio no!

    ‘che ulisse l’ho sempre considerato un gran paraculo…
    mi sarebbe piaciuto essere circe (per la magia)…o calipso (per il fascino immortale)…
    ma ho paura di essere stata, almeno per un pò, solo nausicaa…(abbastanza insulsa, pur se giovane e bella).
    e ora…?
    non più giovane, non più bella, dopo tanto fuggire posso solo sbattere e ribattere in eterno contro gli scogli…come britomarti.
    l’unica vera sciupamaschi è stata lei : elena

    (lo so, sono fuori post…e forse anche un pò fuori testa)
    ma tant’è…io sono sempre così, fuori sincrono…come ghezzi.

    buona giornata, a willy e alle belle donne

  21. Dico una boiata solo per ridere, ma il nome della bovary del resto non mente.
    In ogni caso direi sempre di diffidare di chi nicchia su certe questioni.
    Chi fischietta mentre si parla di spezzare cuori, di criteri o nion criteri.
    Le facce da impunito/a.
    In questo il primato è nostro, i maschietti si scoprono quasi sempre.

  22. ARYA,
    “Ulisse paraculo” dici? Forse.Ma non dopo che,il sacrificio dell’amico Elpeore lo consegnò alla coscienza di quella inconsapevolezza che fu all’origine del suo viaggio,necessario per un RI.-conoscimento altrimenti impossibile e,tramutare la sua negligenza in onore.E ise ricordi,il primo atto del ritorno da Circe sarà per Elpeore; per lui Ulisse compirà i riti funebri,per lui piangerà insieme ai compagni rimasti.Poiessi pianteranno sulla tomba l’insegna che l’ombra del defunto aveva chiesto; NON L’ARMA INFLESSIBILE DEGLI EROI VALOROSI.BENSì UN SEMPLICE REMO DI LEGNO,SMUSSATO DALLE ROTTE PER IL MARE.Questo simbolo di un “eroismo” tanto diverso da quello dei conquistatori e dei guerrieri testimonia il “memento” che l’apparizione dell’ombra di Elpeore (doppio invisibile dell’Ulisse vagante sul mare alla ricerca di Itaca?),determina e richiede”So infatti che andando via da quaggiù,dalla casa di Ade,all’isola Eeea fermerai la nave ben costruita; là dunque,signore,ti chiedo di ricordarti di me” (Od,xi,69-71) E in Ulisse diventò COSCIENZA nuova memore di quella forza invisibile che spinge sempre quando ci si inoltra in sentieri non segnati,verso i mondi inconsci dell’anima.E FU CON QUESTA NUOVA COSCIENZA CHE ULISSE SI PRESENTO’ A PENELOPE.E PENELOPE ASPETTAVA QUELL’ULISSE,TENENDOSI NEL “SILENZIO” DEL CUORE,L’ALTRO! Sarà forse per questo che,io mi sono identificata in Penelope.Penelope vestita un pò da Carmen e un pò da Lou Salomè e col saluto delLa Bianca 2007 che ama precisare,quando serve ed è necessario sapere.Per il resto,alza le spalle e…se nè va via ridendo.
    P.S.Non ho tempo di rileggere e scuserete…Bianca2007

  23. ARYA,
    hai ragione! In quei vestiti ci stò come pelle di “valentino”! E non pecco d’immodestia solo di sana veritas…Besos,Bianchita

  24. willy…aspetto una risposta dotta, dottissssima, stradotta, superdotta, a bianca..che io mi sono persa tra ulisse paraculo, penelope un pò madonna un pò zoccola, ade, itaca, circe…….neanche il mio prof di filosofia del martedi sera ci spiaccica come ranocchie sull’autostrada :))))))))))))))

    p.s. un pò arya..un pò..abbastanzina tanto, direi

  25. MISSI,
    mi hai ricordato,(come sempre),la mia maestra delle elementari,magnifica nella sua ironia che mi ha trasmesso tutta! Evviva gli amici che per un pezzo di strada son fra noi! Hasta la victoria sempre! Bianca 2007

  26. la versione femmiile del don Giovanni potrebbe essere la marchesa di Marteuil protagonista del libro “le relazioni pericolose” di C. de Laclos. 🙂

  27. francesca: Buona idea la marchesa du Marteuil, anche se don Giovanni Tenorio ha determinazione sconfinata nella sua passione ossessiva.
    Minnie Arya Bianca: ulisse piace tanto a noi uomini, perchè fa tutto quello che un uomo sogna fare, scopare donne bellissime, viaggiare, combattere mille avventure, essere furbo e intelligente, andare e tornare quando vuole, non avere rivali e una moglie che aspetta senza far domande. Un figlio di puttana, insomma. Senza offesa per la mamma.
    Arya: temo che sulle sciupamaschi nell’antichità siamo messi male, anche perchè la storia è stata scritta dagli uomini, veniamo più vicini a noi, che sò, una mata hari.

  28. grazie Willy, per il link, ma tu pensi davvero che quella sia indecisione sull’amore eterno? mmm… io temo che il provolone abbia già deciso eccome! ha semplicemente deciso di non accontentarsi di una sola donna (o uomo per il gentil sesso) ed ha bisogno di continue conferme in fatto di seduzione. poi, non è detto che tradisca sempre, quello che conta è sapere di piacere ancora (nonostante l’età, la moglie o i figli) e sfidare se stesso ogni giorno su questo fronte…

  29. CARO RILLY,
    il”buon figlio di puttana” come hai chiamato tu Ulisse,lo fu perchè gli permisero di esserlo.Ma aveva bisogno di quel viaggio per capire attraverso “opposizioni cognitive”arrivando fino all’inferno, il senso vero di “altro” eroismo e gesta. espressi nel simbolico “remo di legno”.Il ritrovamento di COSCIENZA,scritta solo nella tranquillità del cuore conciliato con se stesso,con i morti e col mondo intero.Penelope fu solo premiata per la “testardaggine” di averlo sentito convinzione attraverso la forza dell’autentico sentimento! Stop e,,,bonne journe Carmen,pardon,Bianca 2007

  30. Pigra, sí e no. Nel senso che non credo dipenda dall’accontentarsi ma credo che il bisogno di continue conferme sulle sue capacitá seduttive siano la chiave del perché. Sulle cause di questo tuttavia non ho cognizione psicoanalitica…
    L’amore eterno, invece, penso sia off topic; essendo peró l’Amore indipendente dalla nostra volontá, potrebbe colpire anche i provoloni. O no?

  31. STE,
    si l’amore è al di fuori di ogni volonta ma NON dalla volontà di nutrirlo.Ben sapendo che nulla è nostro se non per la “percezione” di sentire DONO “ricambiato” senza nulla pretendere se non la potenza lieve come la pelle di un fiore,di quell’innaffiatura alle radici dove VIVE L’ETERNITA’ DELLA QUERCIA! Personalmente SO’ e CREDO che un sentimento così esiste e può andare oltre ogni cosa.Oltre la vita stessa! Bianca 2007 (EBE)

  32. eh pigretta….si gioca come giocolieri con le parole..scherzando lievemente, lasciando cadere piume color lillà….e willy , da perfetto padrone di casa, le raccoglie e le rilancia..

    niente di serio…proprio perchè lo sia :))))

    basita dalla serietà di bianca, che di lieve non ha nulla…come una quercia affonda le radici..e vive nell’aldilà..apppeerròòò….

    buonagiornata al gentile padrone del blog e a tutti voi :))))

    lievi, ehhhhhhhhhh……………………………….

  33. MISSI
    impareggiabile maestra,anche questa volta debbo inchinarmi alla sua (persicacia)! Io SONO SEMPRE SERIA da non confondere col “serioso” che lo lascio volentieri a qualcun altro.E mi piace GIOCARE comeArlecchino (mai servo di due padroni ne?) che,anche scherzando diceva la verità! Omaggi e turcherie a te signora della parola…! Bianca 2007

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...