urlo

urlo

Dovrebbe. Doveva.

Deve sfociare in un movimento, In un pensiero che generi, in una musica, In un’ accozzaglia di parole che sia suono.

Deve sfociare questa asincronia che non trova la sua realtà, la sua ora, il coincidere nel momento.

Deve trovare uno sbocco dopo l’essersi fatto crosta, terra e poi roccia, contenitore prima che contenuto.

Deve uscire in un urlo.

Un urlo alla luna perché al sole non si urla mai.

Un urlo alla sera prima che mostri le stelle.

Un urlo per sentire la voce che non si sente mai.

Un urlo per poi ascoltare la quiete

svuotata di suono, di luogo, di costrizione.

Un urlo libero, finalmente.

2 pensieri su “urlo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...