basta con i mesi

Basta con i mesi, promettono e non mantengono più,

erano diversi, un tempo, grandi generatori di domande sulla vita,

preghiere mute del nuovo che nasce e continua il mondo.

Ora tacciono o sono altro

anche se ancora mi chiedo cosa spinga il pero a fiorire,

piccoli fiori bianchi screziati di rosso,

donando bellezza ben oltre le mie poche cure.

Mi domando cosa metta assieme petalo per petalo, la bellezza della rosa,

e perché infine essa s’abbandoni all’erba presa da languore.

Forse ha lo stesso cuore del mite soffione che impavido vola

o quello ben fermo, del ciocco d’alloro che pur tagliato riprova a raggiungere il cielo,

sembrano concordi e si parlano, forse, nel creare bellezza del vivere

perché in essa s’intuisce una gioia.

Solo un melo s’è stancato e ha ferito il legno, per mostrare il suo cuore

così ha rivelato l’estrema compattezza di chi per coraggio rinuncia.

Impudico e ferito s’è mostrato alle margherite, alla menta e alle viole,

come a raccontare la gloria e il coraggio delle cose,

che pur stanche restano se stesse,

incuranti del cielo che vorrebbe piovere,

ma non riesce a farlo.

9 pensieri su “basta con i mesi

  1. Le cose forse i mesi sono come noi umani ,quando siamo umani .
    Alcuni però reagiscono in modo diverso.
    Complimenti Wlly il tuo vagare e bello !
    Maggio ,è arrivato chissà . E cado oggi ,scruto le rondini .
    Le mie fragoline stanno maturando , meraviglia di cosa già accaduta eppure mi pare nuova ! Ciao

  2. Abbiamo talmente mutato il pianeta da renderlo simile a noi, imprevedibili ed egocentric. Il tempo non l’avrebbe mai pensato di mutare le sue certezze e di sentirsi imprigionato dalle follie razionali di questi piccoli uomini.

  3. È vero che l’uomo ha sfruttato selvaggiamente il territorio ,ha procurato uno squilibrio forte . Alterazioni di molto habitat naturali con conseguenze importanti . Oltre ai saccheggi compiuti c’è da considerare molto lo stile di vita. Tutte le colture intensive fanno danni ,gli allevamenti intensivi ne fanno in modo particolare.
    Siamo aumentati di numero , siamo arrivati a quasi 8 miliardi di persone . Verso la fine del 1800 eravamo un miliardo .
    La gran parte della popolazione non fa danni enormi, ma la popolazioni
    degli Stati altamente industrializzati , ne fanno tantissimi.
    Chissà quante “prove tecniche “sono state effettuate dai Paesi più “civilizzati ” che neppure sappiamo . Hanno prodotto altro inquinamento.

    Poi vi sono i decorsi naturali, l’Antartide è colma di vulcani nella sua parte occidentale e il rischio vulcanico di aumento improvviso di eruzioni è questione reale . Ne Sono stati rivelati diversi in attività . Lo scioglimento di una parte della calotta glaciale è dovuto anche a questo così ho letto su riviste scientifiche. penso credibili .
    Lo tsunami avvenuto in Giappone una decina di anni fa mi pare ha avuto un impatto enorme .
    A maggior ragione è indispensabile agire per attenuare e allungare i tempi di impatto più dannosi .
    Invece si fanno le guerre e si continua a vivere come prima .
    Non si può più .
    Caro Willy che dire …
    Proviamo a fare del nostro meglio,mica è scontato io sono diventata più comoda … mi sto scomodando …🤟🥀🐞

  4. Facciamo ciò che possiamo fare e insegniamo a farlo. Il mondo si cambierà dal basso o dall’alto, preferirei dal basso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.