minimi pensieri 1

È ora di proclami sommessi, di fatti senza propositi, di tempi regolati su scansioni interiori. Le parole sono voci nella nebbia, definiscono presenze, chiedono sentire agli umani, timore all’ignoto e raccontano solitudini interiori. Del trovarsi altrove nessuno riesce e non fidatevi di tante sicurezze ostentate, sono abiti belli per vuoti che hanno paura di vedersi davvero. Sconnettere le apparenze e i virtuali fugaci ci salva dal vuoto del dire senza ombra di senso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.